Rilievo allegorico alla base del monumento a Winckelmann nell’Orto Lapidario del Civico Museo di Storia ed Arte, in cui lo studioso tedesco illustra le antichità alle Arti e all’Archeologia (A. Bosa, 1833). Rilievo allegorico alla base del monumento a Winckelmann nell’Orto Lapidario del Civico Museo di Storia ed Arte, in cui lo studioso tedesco illustra le antichità alle Arti e all’Archeologia (A. Bosa, 1833).

Entra nel vivo la manifestazione Archeologia di Sera 2017 che il Civico Museo di Storia ed Arte – Orto Lapidario organizza nei martedì di agosto, con apertura serale dalle 20 alle 23, ingresso libero da piazza della Cattedrale 1.
Martedì 8 agosto nella frescura del “Giardino del Capitano”, davanti al Museo, la serata è dedicata al grande studioso tedesco JOHANN JOACHIM WINCKELMANN, iniziatore della moderna storia dell’arte e dell’archeologia, nel 300° della nascita. In particolare verranno proposte letture dalle sue opere sull’arte greca:
“L’idea d’una beltà sublime” a cura di Marzia Vidulli e Susanna Moser.
Introdurrà la serata (ore 20.30) Corde vibranti nel Giardino delle delizie, intervento musicale a cura di Teodora Tommasi (canto e flauto dolce) e Federico Rossignoli (chitarra): selezioni da Vincenzo Colla, Ernst Kramer e Matthias von Holst.
Alle ore 22 replica del documentario RAI “In morte di un archeologo. Winckelmann, Trieste e il riscatto di una città” di Paola Bonifacio e Piero Pieri (durata 60 minuti), realizzato quest’anno proprio per commemorare l’anniversario.
In contemporanea il pubblico potrà scegliere di seguire alcune visite guidate alle sezioni del Museo.

 

INFO: tel. 040-310500,
cmsa@comune.trieste.it