Trieste – Salone degli Incanti

8 febbraio – 3 maggio 2015
La mostra illustra i diversi aspetti della città nel periodo precedente la prima Guerra Mondiale con materiali dalle istituzioni civiche: il Civico Museo di Storia ed Arte ha curato la sezione intitolata “Nasce l’archeologia a Trieste” in cui sono esposti due corredi e alcuni pezzi notevoli dagli scavi di Carlo Marchesetti nel sito di Santa Lucia di Tolmino (necropoli dell’età del ferro); per la parte romana, invece, dalla villa di Barcola sono stati portati un mosaico pavimentale, la statua dell’atleta e il modellino dei ritrovamenti, che normalmente sono esposti al castello di San Giusto, al bastione Lalio; insieme al bacile iscritto dal tempio della Bona Dea di corso Italia; il bronzetto di Iside e un frammento di affresco raffigurante una sfinge dagli scavi di Bosco Pontini (odierna via Bramante).

[slideshow post_id="1148"]