Martedì 9 agosto

Entra nel vivo la manifestazione Archeologia di Sera 2016, che il Civico Museo di Storia ed Arte – Orto Lapidario organizza nei martedì di agosto, con apertura serale dalle 20 alle 23, ingresso da piazza della Cattedrale 1.

Il percorso di riallestimento del Civico Museo di Storia ed Arte si è arricchito quest’anno della nuova sezione dedicata alle raccolte di antichità classiche, in un allestimento che ha consentito di realizzare al tempo stesso un importante recupero storico museografico unitamente a un’ampia valorizzazione espositiva delle collezioni, adeguata all’importanza e bellezza dei vasi di produzione cipriota, campana, lucana e soprattutto apula, accanto alla coroplastica tarantina e al favoloso rhyton (se prima erano visibili solo 180 pezzi ora più di 1.100 sono sistemati nelle luminose vetrine).
L’edizione 2016 di “Archeologia di Sera” si propone una più puntuale illustrazione tanto delle diverse produzioni, quanto dei singoli capolavori e dei loro maestri “visti da vicino” grazie alla campagna fotografica che ha permesso di valorizzarne tutti i particolari.

  • Ore 20.15 nella sala conferenze (ingresso fino a esaurimento posti):
    Creare un vaso greco: ceramisti e ceramografi attici inventano le tecniche delle figure nere e delle figure rosse,
    a cura di Marzia Vidulli
  • Ore 21 Nel giardino davanti al museo:
    Note antiche e popolari nel “Giardino delle delizie”
    Interventi musicali a cura di Federico Rossignoli al liuto
  • Ore 22
    Visite guidate alle nuove sezioni del Museo o replica della conferenza delle 20.15.

 

Creare un vaso greco

Ceramisti e ceramografi attici inventano le tecniche delle figure nere e delle figure rosse

a cura di Marzia Vidulli
Sotto il titolo di collezione di vasi greci del Civico Museo di Storia ed Arte di Trieste rientrano centinaia di esemplari, quasi tutti integri e anche di notevoli dimensioni, databili tra VII e III secolo a.C., il risultato della passione per il collezionismo e le cose belle dei nostri antenati.
Nella seconda metà dell’Ottocento i mercanti triestini amarono raccogliere nelle proprie case oggetti d’arte e reperti archeologici, tra i quali una posizione di rilievo ebbero le ceramiche antiche, allora facilmente acquistabili in Etruria e in Puglia. Queste raccolte vennero poi, con grande generosità, donate al Museo per arricchire il Comune e permettere ai concittadini di ammirare l’arte antica della quale questi grandi e piccoli capolavori sono spesso gli unici testimoni superstiti, in quanto l’arte pittorica greca è andata quasi del tutto perduta.
È importante conoscere come siano stati realizzati: una tecnica sapiente permise di creare al tornio vasi dalle forme perfette spesso ardite sulle quali si stagliano le immagini realizzate con le tecniche a figure nere e rosse, dipinte con la cosiddetta “vernice nera”, che altro non è che argilla fine e diluita, che poi il forno con l’alternanza di ambiente ossidante, riducente e ossidante, cuoceva in modo perfetto tanto che i vasi sono arrivati intatti fino ai nostri tempi. Conservati in quelle che possiamo chiamare a tutti gli effetti delle “camere del tempo”, le tombe a camera in muratura con tetto in pietra, i vasi costituivano il ricco corredo dell’aristocrazia benestante delle città magnogreche ed etrusche.

 

 

Hydria (vaso per l’acqua) attica a figure nere da Tarquinia
Partenza di Atena sul carro
520 a.C. artista vicino al Pittore di Antimenes
Proprietà del Civico Museo di Storia ed arte di Trieste, dalla Collezione Sartorio